www.liberalsocialisti.org/ news/ Studenti di Parma, Pilo Albertelli.Una vita per la Libertà da Parma alle Fosse Ardeatine

Studenti di Parma, Pilo Albertelli.Una vita per la Libertà da Parma alle Fosse Ardeatine

Avendo partecipato al Convegno dei Circoli di Giustizia e Libertà del 30 aprile 2005 alla sala Umberto di Roma, ho trovato sul banchetto d’ingresso il bel volume illustrato su Pilo Albertelli, docente universitario, antifascista, militante del Partito d’Azione, Martire alle Fosse Ardeatine, Medaglia d’Oro alla memoria (Parma 1907 - Roma, 1944), scritto dagli studenti dell’Istituto Comprensivo Albertelli-Newton di Parma (Scuola Media ed elementare), all’interno dei laboratori di ricerca storica, coordinati dal prof. Danilo Amadei, edito nel 2005 dall’Istituto Storico della Resistenza e dell’Età Contemporanea di Parma.

Veramente una sorpresa, giacchè l’impostazione grafica e la struttura del libro erano così professionistici che mai avrei immaginato che si trattasse di un lavoro di studenti medi ed elementari. Veramente va rivolta ogni lode al dirigente scolastico prof. Barbacani, ai docenti impegnati, al Liceo Albertelli di Roma, al Museo Storico della Liberazione di Roma, col suo direttore prof. Parisella, che, insieme ai familiari viventi di Albertelli, il figlio ing.Guido e i nipoti, hanno sostenuto l’iniziativa e collaborato, affinché questa esperienza di ricerca e di memoria etico-civile delle nuove generazioni di studenti avesse tutte le opportunità di potersi svolgere al meglio.

I ragazzi impegnati hanno potuto avere tutto il materiale bibliografico disponibile, a partire dai dati archivistici agli scritti, alle memorie, per inquadrare a tutto tondo la straordinaria figura del figlio di un deputato socialista di Parma, Guido, costretto dalla violenza squadrista a trasferirsi a Roma nel 1925, educato a valori politici e di cultura di alto livello attraverso la figura del padre e della madre, Angiolina Gabrielli, laureata in lettere all’Università di Bologna con Carducci e sua assistente per anni, poi docente di italiano alle Scuole Magistrali di Parma, amante della musica e della pittura.


Questo articolo è stato letto 1256 volte.